Menu

Colture tissutali vegetali forniscono nuove soluzioni per invertire i fenotipi di senescenza associati a cellule della pelle

14:55 - 15:20
2015/11/24

Tra tutti gli organismi viventi, le piante sono uniche nella loro capacità rigenerativa. La pianta persino nello stadio adulto conserva un’innata “totipotenza”, cioè la capacità di rigenerare ogni tipo di tessuto dell’organismo e riprodurre persino una pianta intera attraverso una serie di stadi morfologici coordinati a processi metabolici. L’embriogenesi somatica rappresenta la massima espressione della totipotenza nelle piante. E’ un processo naturale attraverso il quale alcune cellule somatiche (cioè vegetative) sono in grado di formare una struttura simile all’embrione contenuto nei semi, chiamato “embrione somatico”, senza che ci sia stato nessun meccanismo di fecondazione zigotica. Gli embrioni somatici possiedono tutte le caratteristiche dei “veri” embrioni zigotici e seguono analoghi processi di sviluppo. La formazione degli embrioni somatici può essere ottenuta in laboratorio, inducendo le cellule vegetali che crescono come colture in sospensione ad aggregarsi, a differenziarsi e ad originare strutture organizzate come gli embrioni. Grazie alla loro natura, gli embrioni somatici possono sintetizzare un gran numero di composti e proteine strutturali in grado di stimolare la crescita, il differenziamento o mantenere le cellule giovani e metabolicamente attive.

L’invecchiamento associato alle cellule della pelle è certamente uno dei fenomeni più studiati in biologia, in quanto rappresenta un processo estremamente complesso e dipendente da numerosi fattori sia esterni che interni all’organismo. Recentemente, è stato scoperto che l’invecchiamento cellulare, e quindi quello relativo ai tessuti, è solo in minima parte dovuto a stress ambientali, ma è in larga misura dovuto all’incapacità delle cellule di rispondere correttamente a segnali che arrivano da altri tessuti dell’organismo e di attivarsi di conseguenza. E’ stato infatti dimostrato che una cellula senescente, cioè “invecchiata”, può ringiovanire se trapiantata fra cellule giovani, e viceversa una cellula giovane perde le sue capacità funzionali associate ad un fenotipo giovane se trasferita in un tessuto senescente. Questi risultati indicano che l’invecchiamento dipende essenzialmente dal contesto biologico in cui una cellula si trova e dal numero e tipo di segnali chimici che essa è nelle condizioni di percepire.

Sulla base di questo assunto, abbiamo sviluppato ingredienti attivi per uso cosmetico a partire da colture vegetali arricchite di embrioni somatici, che si sono dimostrati capaci di invertire fenotipi di senescenza osservati in cellule della pelle in coltura. Gli embrioni somatici contengono molecole bioattive caratteristiche di tessuti giovani e in attiva divisione, pertanto rappresentano un’interessante fonte di estratti efficaci nel riattivare la capacità biosintetica e riparativa delle cellule della pelle.

Speakers

  • Fabio Apone Scientific Director and Coordinator - Arterra Bioscience

« Back to previous page